Chi siamo

L'I.T.C. "Gioacchino Russo" di Paternò nasce negli anni '60, precisamente nell'anno scolastico 1962/63 come sede staccata dell'I.T.C. "Carlo Gemmellaro" di Catania con tre prime classi, su iniziativa del Preside Musarra. È il periodo in cui l'agrumicoltura é fiorente ed il commercio e l'espor­tazione degli agrumi producono un generale benessere, di cui risentono positivamente anche gli altri settori produttivi del paese che pertanto necessita di esperti tecnici nel settore economico. Lo spirito pionieristico dei primi alunni trova espressione in molteplici attività: redazione di un giornalino di Istituto, organizzazione della prima Festa della Ragioneria e di gite scolastiche. La prima sede è presso i locali dell'ex Acquedotto Comunale, dietro la chiesa della Madonna del Carmelo. È una situazione provvisoria, modificata dopo soli 15 giorni di scuola con il trasferimento nella sede in piazza della Concordia. Per breve periodo l'Istituto si trasferisce presso i locali del Liceo Ginnasio "Mario Rapisardi" di Paternò in via degli Studi. Successivamente la scuola viene ubicata nei locali del vecchio ospedale Santissimo Salvatore sulla collina storica, adattato alla nuova funzione. Nel 1969 l'Istituto diventa autonomo e viene intitolato al generale Gioacchino Russo, insigne scienziato che ha inven­tato il cleptoscopio ed il navipendolo, apparecchiature molto importanti per la navigazione; egli fu anche professore di architettura navale all'Accademia di Livorno e Senatore del Regno d'Italia. Nel 1975 l'Istituto ottiene l'autonomia amministrativa. Nell'anno scolastico 1977/78, preside Vito Cosentino, ven­gono consegnati i locali dell'attuale edificio, situato in via Parini nella zona nord-est della città, costruito con fondi della Provincia Regionale di Catania. Nello stesso anno è incor­porata la sezione staccata di Ramacca dove, dall'anno scola­stico 2000/01, viene istituito il Liceo Scientifico e dall'anno scolastico 2001/02 il biennio dell'Istituto Tecnico Industriale. Negli anni scolastici 85/86 e 86/87 prende il via il corso programmatore, sezioni A e B; con questi la scuola cerca di adeguare l'offerta culturale alle esigenze sempre più nuove e diverse della società moderna per dare ai giovani la possibilità di affiancare alla tradizionale istruzione tecnica, un'istruzione fondata sulla conoscenza delle nuove tecnologie della comunicazione. Dall'anno scolastico 2003/2004 è ope­rante l'indirizzo per il Turismo che trova un suo spazio for­mativo ed una sua necessità nel panorama dell'istruzione secondaria di un paese come l'Italia, che fonda la propria economia sull'attività turistica. L'Istituto cerca, così, di ri­spondere all'esigenza di formazione dei giovani del territorio, costituendo una risorsa importante per lo sviluppo di nuove professionalità, potenziando da un lato la sua specifica iden­tità e aprendosi dall'altro, alle esigenze provenienti dal mondo del lavoro e della produzione. A partire dall'a. s. 2008/2009, la sezione staccata di Ramacca acquista l'autonomia scola­stica. La sede di Paternò diventa Istituto Tecnico Commer­ciale con gli indirizzi IGEA, Programmatore e ITER e un corso serale SIRIO ad indirizzo turistico. Dall'anno scolastico 2010-2011 l'Istituto attua progressivamente il nuovo ordi­namento e nell'a.s. 2012-2013 assume il nome Istituto Tec­nico Economico.